Innumerevoli sono le tradizioni, i detti e le credenze dei borghi d'Abruzzo, ognuno di essi ha tanto da raccontare. Pittoreschi scenari aprono le porte a feste, rievocazioni, canti e balli popolari che meritano di essere vissuti più che raccontati!
Il susseguirsi di eventi storici uniti alla grande etereogenità dell'ambiente hanno permesso di impreziosire usi e costumi della regione con caratteri diversi in ogni borgo risultando rituali decisamente unici e affascinanti. Un calendario emozionale pieno di eventi suggestivi che garantiscono per 365 giorni l'anno numerose attività folcloristiche e feste popolari della più pura tradizione abruzzese.

  • Scanno - Il catenaccio
  • Sulmona - La madonna che scappa in piazza

Sul territorio regionale dimora il 75% delle specie animali presenti in Europa ed è patria di alcune specie rare come l'aquila reale, il lupo abruzzese, il camoscio d'Abruzzo, l'orso bruno marsicano.

Fauna d'Europa

Pini neri, abetaie, faggete vetuste, migliaia di ettari di terreno con una biodiversità sbalorditiva, circondano vette che sfiorano i 3000 mt. ed in pochi chilometri, cedono il passo, tra laghi, colline, valli e corsi d'acqua, ad una rigogliosa vegetazione mediterranea che staglia sull'azzurro del mare Adriatico. Il faggio è "signore" in Abruzzo, i colori degli alberi variano in modo spettacolare con il mutare delle stagioni. Fra la primavera, l'estate, l'autunno e l'inverno la vista dell'Abruzzo forma uno spettacolo fiorito con tutte le specie di flora presenti sul territorio, colori e profumi che raggiungono direttamente le corde del cuore come fosse poesia!